Probiotici: non fanno bene come sembra. Ecco la verità

Probiotici: non fanno bene alla salute
Probiotici: non fanno bene alla salute

Tutta la verità sui probiotici: non fanno bene come sembra. Una ricerca del New Scientist ha addirittura evidenziato che potrebbero danneggiare le normali funzioni intestinali. Dove si trovano? Nello yogurt e di formaggi freschi, che siamo soliti consumare perché ci piacciono, ma anche nella consapevolezza che fanno bene alla salute o almeno così erroneamente supponevamo.

I probiotici? Non funzionano come dovrebbero

La dottoressa Eran Elinav del Weizmann Institute of Science in Israele ha condotto una ricerca sottoponendo 15 soggetti volontari ad un monitoraggio nel corso dell’ assunzione di probiotici. Qualcuno di essi effettivamente ha avuto benefici dalla loro assunzione, altri invece li espellevano senza che loro organismo li assimilasse. Questo dimostra che la colonizzazione dei probiotici nel nostro organismo non è sempre automatica. Di conseguenza tutto ciò che assumiamo sperando in questo risultato è palesemente inutile. Spesso dopo un ciclo di antibiotici, si è soliti assumere i probiotici proprio per ripristinare la flora batterica intestinale. Qual’è il risultato?

La vera natura dei probiotici

La dottoressa Elinav ha sottoposto un secondo gruppo di soggetti ad un programma medico per valutare l’effettiva ricolonizzazione della flora batterica attraverso l’utilizzo di questi alimenti. E’ stato evidenziato dunque che proprio per l’assunzione prolungata di probiotici, il ritorno alla normalità del microbioma intestinale è stato addirittura ritardato. Il corpo infatti ha dovuto prima sconfiggere i microrganismi che lo avevano colonizzato. Ciò porterebbe gli studiosi ad ipotizzare un legame tra la funzione dei probiotici ed alcune malattie legate al sistema gastrointestinale come l’infiammazione oppure alcuni tipi di intolleranze. Si tratta comunque di organismi che possono colonizzare il nostro intestino e che non sempre possono far bene come pensiamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *