Cibi da non congelare mai | Ecco il motivo ed i rischi

Ci sono alcuni cibi da non congelare mai, per evitare rischi alla salute, ma anche al palato. Ogni alimento infatti ha delle caratteristiche.

Cibi da non congelare mai
Cibi da non congelare mai ecco il motivo ed i rischi – ricettasprint

Ci sono alcuni cibi che non andrebbero mai congelati, per evitare rischi alla salute, ma anche al palato. Ogni alimento infatti ha delle caratteristiche peculiari che lo rendono gradevole: specifiche proprietà organolettiche che possono essere esaltate utilizzando detrminati accorgimenti. Diversamente otterrete l’inverso: pietanze immangiabili ed anche potenzialmente pericolose per la salute. La prima precisazione da fare è che non tutti gli alimenti vanno in congelatore: ce ne sono tanti che ‘odiano’ questo processo di conservazione.

LEGGI ANCHE -> Pellicola per alimenti | questa cambia colore quando il cibo scade
LEGGI ANCHE -> Dieta, i cibi anti età. Invecchiare bene mangiando sano

Cibi da non congelare mai | Ecco il motivo ed i rischi

Anche se spesso questa pratica, molto comune, ci sembra un’ancora di salvezza, soprattutto quando non si ha molto tempo da dedicare alla spesa quotidiana oppure alla cucina, è bene sapere che alcune pietanze variano la loro consistenza ed anche la loro qualità nutrizionale dopo un eventuale congelamento. La valutazione preventiva che bisogna fare è quella delle caratteristiche dell’alimento da congelare: in particolare quanta acqua e grassi esso contiene. Infatti, maggiore sarà la quantità di questi ultimi, maggiore sarà anche la perdita di gusto e delle proprietà della pietanza.

Inoltre congelare i cibi utilizzando metodi sicuri è molto importante per evitare rischi alla salute. E’ possibile procedere alla conservazione in freezer di svariati alimenti, l’importante è seguire poche e semplici regole per il procedimento. La formazione di ghiaccio comporta infatti un aumento in termini di volume ed i grossi cristalli di ghiaccio letteralmente fanno “esplodere” le strutture cellulari dei cibi. Ecco perchè la prima accortezza da utilizzare è quella di usare contenitori adeguati alla quantità di cibo che si vuole conservare. Tenendo presente che ovviamente maggiore sarà la percentuale di acqua, più volume tenderà ad acquistare mediante congelamento.

Alluminio si o no? La risposta pratica e le soluzioni da adottare

Eventuali fuoriuscite di alimenti esporrebbero questi ultimi al contatto con agenti esterni che potrebbero causarne un precoce deperimento ed anche la disidratazione, con conseguenti potenziali rischi per la salute. I contenitori devono essere quindi puliti e possibilmente nuovi: è preferibile utilizzare quelli in vetro per contenere salse e liquidi.

Le classiche vaschette in alluminio usa e getta, vendute con coperchi di cartoncino impermeabile sono molto pratiche perchè consentono di scriverci sopra contenuto e la data di produzione del nostro alimento. Queste sono adatte particolarmente per prodotti da forno come pizze, lasagne ed arrosti. E’ molto importante non utilizzare contenitori in alluminio per la conservazione di cibi acidi contenenti ad esempio limone e pomodoro. Ciò perchè i pH bassi tendono a mobilizzare l’alluminio, che può quindi essere ingerito insieme al cibo.

Ecco tutti gli alimenti da non congelare

Vediamo dunque insieme quali sono i cibi ‘nemici’ del congelatore, che dunque non vanno mai sottoposti al processo di surgelamento.

Verdure a foglia verde – contengono grandi quantità di acqua e ciò fa perdere loro consistenza e sapore al momento dello scongelamento. Provate ad esempio a surgelare gli spinaci freschi: noterete, una volta tornati a temperatura ambiente, una grande differenza in termini di profumo, gusto e fragranza.

Cetrioli, cipolle e pomodori – Uguale destino spetta a queste verdure, per la stessa motivazione di cui sopra. Diversamente, potete procedere alla conservazione in freezer soltanto una volta cucinati. In questo modo la variazione sarà meno evidente.

Patate – Sia cotte che crude, risulterebbero, una volta scongelate, estremamente molli e pastose. Ciò è dovuto sia alla presenza di acqua che di amido che arricchiscono la composizione di questo tubero.

Anguria, ananas e melone – La composizione di questi frutti, è noto, è prevalentemente acquosa: immaginate la consistenza di una fetta di anguria dopo un eventuale surgelamento! Si scioglierebbe completamente, rendendo il frutto immangiabile.

Gli alimenti diversi da verdure e frutta: tutte le conseguenze

Uova – Non vanno mai conservate in freezer per un motivo ben preciso. Aumentando di volume nella fase di surgelamento, esploderebbero rompendosi e diventando di fatto non commestibili. Dopo eventuale cottura invece, potrebbero anche essere congelate, ma risulterebbero molli e completamente insapori.

Salse – La maggior parte delle pietanze appartenenti a questa categoria, non andrebbero mai congelate per evitare che perdano cremosità e gusto. Soprattutto quelle a base di pomodoro, per le stesse motivazioni che abbiamo elencato prima.

Fritti – Una volta cucinati gli alimenti fritti, iniziano a perdere friabilità e croccantezza già dopo circa mezzora dalla cottura. Immaginate cosa accadrebbe se fossero congelati. L’acqua immancabilmente presente in essi, anche se in percentuale minima, accentuerebbe la consistenza molle rendendoli immangiabili.

Latte – Se congelato, il latte tende a trasformare la propria consistenza diventando grumoso una volta scongelato. Per questo motivo è sconsigliabile conservarlo in freezer.

Cibi da non congelare mai: pasta e riso ‘colpevoli’

Insaccati – Questi prodotti garantiscono una ottima conservazione anche se non surgelati, ma tenuti a temperatura ambiente. Quindi sembra davvero inopportuno surgelarli, dal momento che perderebbero certamente consistenza e sapore. E’ possibile però tenerli in freezer se messi sotto vuoto: eliminando l’aria, sarà più difficile che la temperatura ne alteri il volume ed il gusto.

Formaggi – Sconsigliato il congelamento dei formaggi a pasta molle oppure cremosi, sempre per la percentuale di liquidi in essa contenuti. E’ consentita per la categoria degli stagionati e semi stagionati, soprattutto se confezionati sotto vuoto.

Pasta e riso – La pasta ed il riso, una colta cotti non andrebbero mai conservati in freezer. Anche in questo caso, il congelamento delle particelle d’acqua presenti provocherebbe, una volta riportati gli alimenti a temperatura ambiente, una sensibile variazione del gusto e della consistenza. Cibi scotti e privi di sapore non piacciono a nessuno!

LEGGI ANCHE -> Orata, come pulire e sfilettare il cosiddetto pesce ‘tondo’
LEGGI ANCHE -> Congelare le cozze | tutti i consigli utili per non sbagliare

Per restare sempre aggiornato su news, ricette e tanto altro continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata a tutte le nostre VIDEO RICETTE puoi visitare il nostro canale Youtube.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *