Seppie con i piselli: il mare e l’orto, come da tradizione

Le seppie con i piselli è una ricetta semplice, leggera e molto gustosa, dove il mare incontra i prodotti dell’orto, molto apprezzata da chi ama il pesce.

Esistono due versioni della ricetta delle seppie con i piselli: in umido con pomodoro oppure in bianco; oggi proponiamo la versione in bianco, molto diffusa nel Lazio.

Ricetta facile da preparare, è molto diffusa ed è velocissima, quindi perfetta per chi ha poco tempo a disposizione per cucinare e non vuole rinunciare ad un buon piatto.

Potrebbe interessarti anche Paste conze

 INGREDIENTI per 4 persone

  • 1 kg. seppie
  • 500 gr. piselli sgranati
  • prezzemolo fresco
  • 500 gr. brodo vegetale
  • 1 cipolla
  • olio evo
  • 1 bicchiere vino bianco
  • sale, pepe

PREPARAZIONE

Pulire molto bene le seppie, eliminando l’osso centrale e le interiora, quindi sciacquare abbondantemente sotto acqua corrente; tagliare le sacche a fettine ed i cirri a pezzetti.

Lavare, asciugare e sminuzzare il prezzemolo.

Versare il brodo in un pentolino e scaldarlo su fuoco dolce.

Sbucciare e tagliare la cipolla finemente, lasciarla soffriggere in una padella con un giro di olio.

Quando la cipolla sarà appassita, unire le seppie e farle rosolare su fuoco vivace brevemente, mescolando spesso.

Versare il vino e far sfumare, quindi unire due mestoli di brodo, abbassare il fuoco e coprire.

Lasciare cuocere su fuoco dolce per circa 20 minuti, aggiungendo altro brodo qualora si dovesse asciugare troppo.

Versare i piselli nella padella con le seppie, condire con una macinata di pepe, coprire e continuare la cottura per ulteriori 15 minuti.

Cuocere fino a quando i piselli saranno cotti e le seppie tenere, aggiungendo altro brodo se necessario.

Terminata la cottura, regolare di sale, se necessario e aggiungere il prezzemolo tritato.

Mescolare, lasciare intiepidire e servire.

Le seppie con i piselli sono pronte per essere servite, buon appetito!

Potrebbe interessarti anche Torta salata con fave e piselli e molto altro ancora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *