Sformato di riso con melanzane, una ricetta facilissima

PRESENTAZIONE

Lo sformato di riso con melanzane è una ricetta gustosa. Che  nasce con il concetto del  riciclo in cucina, riso avanzato?  Allora ricicliamo!

E’ difficile non cadere in tentazione di sformati succulenti dove il fiordilatte fila e la melanzana è fritta.

Questo è uno di quelli, come lo assaggerete non potrete fare a meno di divorarlo.

Può interessarti anche questa ricetta : parmigiana di melanzane e uova

INGREDIENTI

Dose per 4 persone.

  • 300  g di riso
  • 1 fiordilatte
  • 400 g d polpa di pomodoro
  • 50 g di prosciutto crudo
  • 100 g di burro
  • 100 g di parmigiano grattugiato
  • 2 melanzane
  • 1 cipolla
  • basilico
  • olio extra vergine
  • olio di semi
  • sale q.b.
  • pepe q.b.
  • 1 litro di brodo

PROCEDIMENTO

Lavate a e affettate le melanzane nel senso della lunghezza, salatele e mettetele a scolare.

Tritate il prosciutto con la cipolla.

In un tegame mettete dell’olio con il burro  e soffriggete  il trito, aggiungete la salsa, salate e pepate, fate cuocere per 20 minuti.

Dividete la salsa, di cui una metà mettetela in un recipiente e tenetela da parte.

In un tegame versate l’altra metà della salsa e unite il riso, fatelo insaporire per cinque minuti, aggiungete il brodo poco alla volta e  cuocete per il tempo  necessario.

Togliete il risotto al dente, unite il burro e il parmigiano.

Friggete le melanzane in abbondante olio caldo e scolatele su carta da cucina, salatele.

Imburrate una pirofila, versate una parte del riso, disponete le fette di melanzane fritte e  le fette di fiordilatte, cospargete con una abbonante manciata di parmigiano.

Unite altro il riso e le fette di melanzane rimaste, versate sopra la salsa che avevate tenuto da parte e di nuovo il parmigiano.

Infornate a forno preriscaldato a 200 C per 15 minuti.

Servite lo sformato di riso con le melanzane ancora caldo.

Buon Appetito

Può interessarti anche questa ricetta: Il timballo di fusilli con melanzane

Vino consigliato: Sangiovese di Romagna

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *