Impanadas Sarde

PRESENTAZIONE

Impanadas Sarde: la ricetta sprint per realizzare una pietanza che appartiene alla tradizione gastronomica sarda e che sarà una vera delizia per pranzo o cena.

Potrebbe piacerti anche questa ricetta: Saltimbocca alla romana, una ricetta tipica che salva un pasto in pochi minuti!

INGREDIENTI

250 gr maiale lonza
1 spicchio aglio
50 gr lardo
1.5 dl olio di oliva extravergine
100 gr olive verdi
60 gr pomodoro secco
q.b. prezzemolo
q.b. sale
100 gr salsiccia di maiale
100 gr strutto o sugna
1 bustina zafferano
1 cipolla
q.b. aceto bianco
q.b. pepe nero in grani
250 gr manzo fesa
500 gr semola rimacinata di grano duro

 

PREPARAZIONE

Seguite la nostra ricetta sprint per preparare delle gustosissime Impanadas Sarde. Cominciate sminuzzando la carne e spellando le salsicce. Bagnate poi i pomodori con acqua tiepida e poco aceto ed intanto soffriggete una cipolla a spicchi a fiamma media, unendo qualche minuto dopo la carne e la salsiccia sgranata.

Lasciate cuocere per 3′, poi unite anche prezzemolo tritato, aglio, pomodori scolati dall’acqua ed affettati, zafferano sciolto ed olive, ed aggiustate di sale e pepe. Mischiate a dovere e fate trascorrere 10′, poi spegnete. Intanto impastate farina setacciata e strutto con 170 ml di acqua e poco sale, per ottenere un composto elastico, da far riposare 30′. Trascorso questo tempo, stendetelo su di un piano col mattarello e ricavate 12 dischi.

Intanto cospargere di olio 6 teglie di piccola misura, foderando con metà dei dischi, di cui dovrete bucherellare il fondo. E dividete il ripieno tiepido nei gusci di pasta, pressandolo con il dorso del cucchiaio. Ora chiudete con altri dischi di pasta, sigillando per bene, e sigillate i bordi con acqua tiepida.

Punzecchiate le impanadas al centro, mettetelo in una placca forno e spennellatele con olio, per poi mettere in forno preriscaldato a 180° per circa 25′, fino a doratura. Lasciate intiepidire e poi servite.

Potrebbe piacerti anche questa ricetta: Danubio salato, ricetta napoletana tradizionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *