Scaloppine alla grappa, mettiamoci un po di spirito!

Ecco un secondo piatto spiritoso, dal sapore particolare ma assolutamente delizioso: Le scaloppine alla grappa. Possono andare bene per il menù della festa della mamma?

La particolarità della ricetta è senz’altro l’accostamento delle pere alla carne di maiale, sicuramente delizioso per chi ama i contrasti di sapore.

La ricetta è davvero semplice nella preparazione ma il risultato sarà un secondo piatto raffinato ed elegante, perfetto per un menù di festa.

Potrebbe interessarti anche Arrosto farcito con frutta secca e noci

INGREDIENTI per 4 persone

  • 1 kg. filetto di maiale
  • 4 pere Williams
  • grappa di pere
  • confettura di ribes rossi
  • 4 scalogni
  • vino bianco
  • 1 yogurt magro
  • burro
  • farina
  • olio evo
  • sale, pepe

PREPARAZIONE

Sbucciare le pere e tagliarle a fettine sottili.

Tritare finemente gli scalogni ed appassirli in un tegame con 30 gr. di burro ed 1 cucchiaio di olio evo.

Unire le fettine di 3 pere ed insaporire per 2 minuti.

Irrorare con un bicchierino di grappa, coprire e stufare su fuoco dolce per 5 minuti.

A cottura ultimata, trasferire il composto nel bicchiere del mixer, aggiungere lo yogurt regolare di sale e pepe e frullare.

Tagliare la carne a fettine di circa 2 cm. di spessore, infarinarle e rosolarle in un tegame antiaderente con 20 gr. di burro sciolto in un cucchiaio di olio.

Regolare di sale e pepe ed irrorare con 4 cucchiai di grappa e 1/2 bicchiere di vino bianco.

Fare evaporare, poi coprire e cuocere su fuoco dolce per 10 minuti.

Saltare in padella le fettine di pera rimaste con 20 gr. di burro e mezzo bicchierino di grappa.

A cottura ultimata, distribuire le fettine sui piatti individuali, accompagnare con la salsa molto calda e decorare i singoli piatti con fettine di pera ed una cucchiaiata di confettura di ribes.

Le scaloppine alla grappa sono ora pronte per essere servite ed ammirate in tutta la sua eleganza e bontà.

Potrebbe interessarti anche Bocconcini di lonza alla senape

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *