Alessandro Borghese | Crolla e si sfoga | “Non resisterò a lungo”

Alessandro Borghese crolla e si sfoga - ricettasprint
Alessandro Borghese crolla e si sfoga – ricettasprint

Una situazione davvero difficile quella di Alessandro Borghese che crolla e si sfoga rispetto ad una situazione comune a tanti del suo settore di appartenenza.

Lo chef, noto anche per la conduzione di diversi programmi televisivi a tema culinario, ha esposto il proprio pensiero con grande rabbia, sentendosi completamente messo da parte dagli interventi dello Stato. “Con la sua assenza sta radendo al suolo la ristorazione italiana” esordisce Alessandro in una intervista al ‘Corriere’. Così uno dei più famosi cuochi e ristoratori italiani, titolare di locali ed agenzie di catering, dichiara apertamente la sua sofferenza facendosi espressione di tanti piccoli imprenditori della categoria.

LEGGI ANCHE -> Spaghetti cacio e pepe di Alessandro Borghese | deliziosi e profumati
LEGGI ANCHE -> Riapertura ristoranti | Carlo Cracco e il menu da asporto | quanto costa

Alessandro Borghese | Crolla e si sfoga | “Non resisterò a lungo”

Il lockdown ha di fatto creato una situazione economicamente molto difficile per l’intero comparto, a causa della chiusura delle strutture ricettive ed i conseguenti investimenti necessari in previsione della riapertura. Sarà infatti assolutamente necessario adeguare i locali alle nuove disposizioni anti-Covid, formare i lavoratori e fornirli di dispositivi di protezione individuale.

Insomma, interventi che prevedono un costo in molti casi difficilmente sostenibile in conseguenza dei mancati introiti degli ultimi mesi. Lo stesso Borghese lamenta una perdita di quasi la metà dei guadagni ordinari. “Sono venute meno cene private, ben 16 matrimoni, per non parlare degli eventi legati al Salone del Mobile” spiega Alessandro. “Sto anticipando l’assegno della cassa integrazione ai miei 64 collaboratori: non potevo permettere attendessero mesi prima dell’arrivo dei fondi a causa della burocrazia. Ma così non si può resistere a lungo, un altro mese al massimo” sottolinea lo chef. Continuando: “Se le cose non si smuovono dovrò decidere cosa fare con il personale, le spese d’affitto e le bollette. Ma è un’evenienza in cui spero di non dovermi trovare”.

Nonostante sia una situazione particolarmente difficile, Borghese tiene a spiegare: “Non è per la mia situazione. Ho le spalle larghe e saprò affrontare qualsiasi scenario. Ma penso a quelli che vivono degli incassi di bistrot, trattorie e osterie, soprattutto in provincia. Alcuni hanno già chiuso, tanti altri lo stanno per fare”. Al momento la data ipotizzata per la riapertura delle strutture ricettive è il primo giugno, ma non è ancora chiaro, come anticipato, quanto costerà fare gli adeguamenti necessari. “Sanificare un locale da 300 metri quadrati costa tra i mille e i 3 mila euro. Ogni quanto sarà necessario farlo? Come dovranno essere allestiti i locali? Non saperlo rende impossibile pianificare e non si potrà improvvisare, ne va della salute dei clienti e dei lavoratori” afferma.

Cosa accadrà alla riapertura: prezzi, menù e futuro televisivo

Un’altra questione, questa volta cara anche ai consumatori, è quella dei prezzi per godersi una cena al ristorante, considerando gli investimenti necessari per la riapertura. “I nostri resteranno gli stessi di adesso. E il menu continuerà a cambiare in base alla stagionalità, ma non si ridurrà. Abbiamo già razionalizzato al massimo il lavoro e i costi quando abbiamo aperto il ristorante nell’ottobre del 2017”. Riguardo il delivery Alessandro illustra il suo punto di vista: “Non avevamo attivato questo servizio prima del lockdown e non abbiamo voluto improvvisarci. Mandare un piatto a casa dei clienti in una confezione dal packaging arrabattato, senza sapere chi la consegna e in che condizioni arriva. Inoltre non credo convenga economicamente per la mia cucina”.

Per quanto riguarda il futuro televisivo, ci sono delle importanti novità. Borghese infatti sta girando le nuove puntate di ‘Kitchen Sound’, che andrà in onda su Sky all’ora di pranzo dal prossimo 25 maggio. Attualmente è in onda anche la nuova stagione di ‘Quattro Ristoranti’, registrata ben prima dell’emergenza sanitaria e che sta riscuotendo notevole successo. Il format ‘Cuochi d’Italia’ invece, richiedendo la partecipazione del pubblico, è stato sospeso come tanti altri simili. “L’idea, se si potrà, è di ripartire fra giugno e luglio. Credo sarà importante anche per dare un segnale forte, se le condizioni sanitarie lo permetteranno: quello di ricominciare a uscire e divertirsi” conclude. L’auspicio quindi è che presto si possa tornare, in un modo o nell’altro, a respirare un pò di positiva serenità.

LEGGI ANCHE  -> Bruno Barbieri | Ecco la mia famiglia | La foto inedita dello chef
LEGGI ANCHE -> Antonino Cannavacciuolo | Ecco il nuovo chef | Dimagrito VIDEO

Per restare sempre aggiornato su news, ricette e tanto altro continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata a tutte le nostre VIDEO RICETTE puoi visitare il nostro canale Youtube.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *