Cosa si frigge a Natale | tutto quello che c’è da sapere

cosa si frigge a Natale
cosa si frigge a Natale

Cosa si frigge a Natale | tutto quello che c’è da sapere

A Natale si frigge un po’ tutto, dal pesce alle verdure, diciamo che si fa un unica frittura che va avanti per due giorni.

Sapete perché? Perché a Natale e considero anche la Vigilia di Natale, abbiamo paura che il menù non basti, che sia sempre poco, che ci sia qualcuno che resti senza il piatto, e eccolo li che subentra il malumore.

Chi mangia di più in questi casi è sempre chi è in cucina, tra un assaggio e l’altro si mangia di tutto.

Quando arriva Natale tutti si apprestano a cercare ricette per la pastella, e a capire cosa bisogna friggere e se se si può friggere.

cosa si frigge a Natale
cosa si frigge a Natale

A casa mia si inizia dalla frutta (mele e pere), poi si passa alla verdure ( zucchine, melanzane, cipolle, cavolfiori e broccoli) e infine si passa al pesce che in teoria friggiamo per ultimo perchè sporca l’olio.

Per pesce si intendono le mazzancolle, i gamberoni, i lattarini, le alici e dimenticavo il capitone in una casa del meridione che si rispetti non deve mai mancare fritto nella pastella, c’è chi frigge anche i calamari, ma questi ultimi come direbbe mia madre si offendono con la pastella, i calamari li dovete friggere solo con la farina.

Per quanto riguarda alcuni cibi li dovete prima pre cuocere, come per esempio il broccolo e il cavolfiore, direttamente in acqua salata una volta lavati e tagliati a pezzi, lasciateli cuocere per appena 3 minuti, scolateli e lasciateli raffreddare.

Vi elenco due tre ricette per la pastella, sta voi decidere quale volete fare

Pastella di Natale per una frittura croccante

Pastella per frittura con le uova

Pastella alla birra in bottiglia pronta in cinque minuti

Per restare sempre aggiornato su news, ricette e tanto altro continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata a tutte le nostre VIDEO RICETTE puoi visitare il nostro canale Youtube.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *