Farina ritirata dai supermercati | “Il Rischio è concreto” | Le info FOTO

farina ritirata dai supermercati
La farina ritirata dai supermercati FOTO ricettasprint

Su un tipo di farina è stato richiesto il ritiro dai supermercati che la commercializzano, come indicato dal Ministero della Salute sul proprio sito web ufficiale. Si tratta di una tipologia specifica.

ATTENZIONE !!! Vaccino antinfluenzale, allarme per i soggetti allergici: “C’è lattice nelle siringhe” clicca QUI

Ancora una comunicazione da parte del Ministero della Salute. Riguarda una farina ritirata dai supermercati. Si tratta nella fattispecie di una farina di grano, che l’Ente indica come potenzialmente soggetta a rischio allergeni. La nota si trova sull’apposito spazio web dello stesso Ministero. Come di consueto per eventi simili nei quali si riscontrano problematiche in grado di nuocere alla salute dei consumatori. La tempestiva segnalazione riguarda la farina di grano tenero tipo 00 bio ‘Bongiovanni s.r.l.’. Il prodotto è realizzato da Iftea s.r.l. nello stabilimento di via Cà del Vento 35 di Bagnacavallo, popolosa località della Romagna situata in provincia di Ravenna. Altre informazioni utili per riconoscere la farina ritirata dai supermercati stanno nel numero di lotto di produzione e nella data di scadenza. Ad essere interessati dal richiamo sono le confezioni recanti il seguente lotto. 00FT0019/0702. Data di scadenza o termine minimo di conservazione al 22/02/2020.

Farina ritirata dai supermercati, tutte le informazioni utili

Questo alimento è venduto in unita da rispettivamente 1, 5 e 25 kg. Due sono le avvertenze disposte dal Ministero della Salute. Data la riscontrata “contaminazione crociata da allergene senape”, negozi e ditte sono tenuti a comportarsi come segue. I primi devono comunicare la giacenza al magazzino ed esporre nei rispettivi locali il relativo avviso. Invece per le ditte occorre giocoforza comunicare la giacenza in magazzino e procedere con il reso. Per tutti coloro che dovessero accorgersi di avere tale prodotto in casa, il consiglio è di non consumarla se si hanno problemi di allergia relativi alla sostanza indicata.

Come avere il rimborso

È possibile procedere con un legittimo rimborso presentando l’eventuale merce non compatibile con il proprio stato fisico nel punto vendita dove è stata acquistata. Non è necessaria la presenza dello scontrino in questi casi. A quel punto basta scegliere se riavere indietro la cifra spesa o procedere con un cambio con altri prodotti.

Per restare sempre aggiornato su news, ricette e tanto altro continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata a tutte le nostre VIDEO RICETTE puoi visitare il nostro canale Youtube.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *