I legumi in scatola sono molto diffusi e garantiscono una preparazione in cucina semplice. Ma cosa c’è che dovremmo sapere?

Legumi in scatola
Legumi in scatola quanto sono sicuri Foto dal web

Legumi in scatola, ci sono dei rischi legati al loro consumo? Le principali voci su possibili criticità riguardano il rischio di migrazioni dai contenitori in latta direttamente nell’alimento. oppure all’utilizzo di sale nei processi industriali per conferire maggiore gusto al prodotto. Ed anche il liquido di vegetazione.

Leggi anche –> Dado | perché non dovremmo mai metterlo in frigorifero

Ma come stanno veramente le cose? Va detto che la base di partenza è il prodotto colto fresco in natura, che viene sgusciato e cotto per poi essere inscatolato e sterilizzato. Il fatto che si tratti di un prodotto fresco viene anche evidenziato sulle confezioni, se si tratta di piselli e fagioli, in particolar modo.

Invece legumi in scatola come lenticchie e ceci riguardano la lavorazione di semi secchi, colti proprio in queste condizioni per poi essere posti in una certa quantità di acqua. Quantità che è legata alla dimensione stessa dei semi. Che successivamente conoscono le stesse fasi di cottura, inscatolamento e sterilizzazione.

La cottura avviene in acqua salata. Non è raro vedere l’aggiunta di ingredienti ulteriori nei legumi in scatola, come passata di pomodoro, erbe aromatiche e persino zucchero. Essendo poi il prodotto sottoposto a sterilizzazione, non si riscontra l’utilizzo di alcun conservante, anche se risulta utilizzato l’acido l-ascorbico (E300), che serve a preservare il colore lucente dei legumi.

Leggi anche –> Giovanni Rana | la bellissima iniziativa che ha aiutato in tanti

Legumi in scatola, cosa c’è da sapere

Non è mai presente in quantità tali da potere risultare nocivo, allo stesso modo dell’E509, cloruro di calcio, un sale non pericoloso. In generale il contenuto di sale è indicato nell’etichetta che riporta le informazioni, in confezione.

Leggi anche –> Nichel negli alimenti | dove è più probabile trovarlo

Poi c’è il liquido di vegetazione, che altro non è che semplice acqua della loro cottura, utilizzabile tranquillamente in zuppe o minestre in quanto ricco delle sostanze nutritive defluite dai legumi. Altrimenti possiamo risciacquarli, anche se così facendo rinunceremo ad un certo apporto nutrizionale.

Per insalate od altri piatti invece la presenza del liquido non è prevista e può essere normalmente eliminato. Ma qualche rischio c’è, nel caso di barattoli in latta. Legato proprio al rischio di migrazione di sostanze per la verniciatura o per l’imballaggio.

Per restare sempre aggiornato su news, ricette e tanto altro continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata a tutte le nostre VIDEO RICETTE puoi visitare il nostro canale Youtube.

La sicurezza massima, in tal senso, si ha solamente con i contenitori in vetro. Infine un consiglio: scegliere sempre legumi prodotti in Italia, che sono garanzia di sicurezza, meglio poi se sono biologici.

Foto dal web