Polpette, alcuni consigli utili per prepararle al meglio

Polpette di Melanzane e Parmigiano
Polpette di Melanzane e Parmigiano

Le polpette sono apprezzate da tutti perché facili da preparare, in poco tempo e con ingredienti comuni. Ma si possono realizzare davvero al top così.

Le polpette sono uno dei manicaretti più amati. Si preparano in poco tempo e con pochi ingredienti economici e di facile reperibilità. Inoltre si possono ‘personalizzare’ in tanti modi. Eppure ci sono alcune procedure da non attuare nella realizzazione delle stesse. Ad esempio, a volte si ritiene che vadano fatte esclusivamente con ingredienti cosiddetti di scarto. Magari è avanzato un pò di questo ed un pò di quello, e per riciclarlo si pensa bene di mettere in tavola delle polpette. Procedere con ingredienti freschi, acquistati appositamente, darà tutt’altro risultato invece. Poi, e questo vale per qualsiasi ricetta, occorre trovare sempre il giusto equilibrio tra un ingrediente e l’altro. Soprattutto nel caso delle polpette. Un aroma può andare a nasconderne un altro, e questo inficia sul buon esito del risultato.

LEGGI ANCHE –> Polpette di Carne e Salsiccia, per grandi e piccini

Polpette, le dritte giuste per servirle a tavola al top

In particolare badate bene a non scaldare più del dovuto le uova, che altrimenti possono diventare gommose oppure indurirsi. La giusta misura sarebbe di un uovo ogni 400 g di carne. Poi cos’altro c’è da fare? Anche questo sfiora l’ovvio: fate si che la cottura sia giusta, né troppo prematura né troppo prolungata. Allo stesso modo l’olio utilizzato nel caso della frittura non deve essere eccessivamente caldo, altrimenti si rischia di non cuocere bene l’interno. La giusta temperatura è sui 160°. Quando le preparate col sugo mettetele già nella salsa ben calda, è consigliabile per una struttura migliore. Se invece sono da riscaldare, toglietele dal condimento per cuocerle a parte e poi riaggiungerle. Per le polpette fritte invece riscaldatele col forno.

LEGGI ANCHE –> Polpette Svedesi o ‘Polpette dell’Ikea’, le originali Köttbullar svedesi

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *