carne separata meccanicamente, ecco cosa contiene
carne separata meccanicamente, ecco cosa contiene

Carne separata meccanicamente: cosa contiene? Probabilmente nessuno ha mai fatto caso a questa dicitura, spesso riportata nella lista degli ingredienti di alcuni prodotti che si acquistano solitamente al supermercato. Il consumo eccessivo di carne è di per sè sconsigliato dagli esperti della nutrizione mondiale innanzitutto per una questione di salute. Inoltre è un dato di fatto che l’occupazione di terreni per l’allevamento piuttosto che per la coltivazione, comporti un dannoso aumento dei gas serra. Immaginate poi se gli alimenti che acquistiamo sono anche di bassa qualità o addirittura frutto di processi meccanici.

Carne separata meccanicamente: dove si trova?

Innanzitutto chiariamo in cosa consiste: i termini anticipano una parte di ciò che probabilmente avrete già visto in qualche video, ormai divenuto virale sul web. Stiamo parlando di un processo di separazione della carne che la priva delle parti normalmente commestibili, separandole dalle ossa. Mentre petto, cosce e simili finiscono in macellerie o macinate, gli “scarti” ed i residui vengono setacciati. La polpa rosa che si ricava, viene addensata ed integrata con aromi e sostanze varie che neutralizzano il gusto e l’odore originario, rendendoli commestibili.

Ecco di quali alimenti stiamo parlando

Probabilmente avrete in frigorifero più di un prodotto realizzato così ed anche in percentuali molto alte. Si tratta dei wurstel, tanto amati da grandi e piccini. Ad essi si aggiungono gli hot dog, le crocchette, cordon bleu ed altri tipi di carne preparata e messa sul mercato da grandi aziende. Chiaramente bisogna sottolineare che non tutti i prodotti sono di scarsa qualità: il monitoraggio del ministero della Salute è molto meticoloso, onde evitare contaminazioni o intossicazioni. Prestate però sempre attenzione alle etichette: è un’abitudine che dovremmo mettere in pratica a prescindere. Mangiare sano è un dovere, oltre che un piacere!